Ultime notizie
Conversione in Legge del D.L. Renzi 66/2014
25/06/2014
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 89/2014 che ha convertito il Decreto Legge 66/2014
Leggi il resto
Comunicazione dei beni concessi in uso ai soci ed ai familiari
03/12/2013
Altra invenzione dell'Agenzia delle Entrate è la comunicazione obbligatoria entro il prossimo 12/12/2013 per i beni concessi in uso ai soci ed ai propri familiari
Leggi il resto
Finanziamenti e capitalizzazioni soci e familiari dei soci
03/12/2013
Burocrazia per la comunicazione in scadenza il prossimo 12/12/2013 riguardo i finanziamenti/capitalizzazioni effettuate dai soci e familiari degli stessi nelle imprese partecipate.
Leggi il resto
Prezzo-Valore per imposta di registro in caso di asta
09/11/2013
Articolo che si addentra nei meandri di tassazione in caso di asta pubblica per un'abitazione bandita da un privato oppure da altro soggetto.
Leggi il resto
Crisi finanziaria? Diminuiscono gli interessi bancari....
09/11/2013
Una conseguenza positiva su mille negative della crisi che sta volgendo al termine è la discesa dei tassi di interesse attualmente praticati dalla banche, in seguito alla decisione della B.C.E. di portare al 0,25% il tasso di riferimento europeo.
Leggi il resto
 
Tu sei qui: Home / News / Bilancio 2009: Valutazione delle Rimanenze Finali

Bilancio 2009: Valutazione delle Rimanenze Finali

creato da Revisore Documentazione ultima modifica 02/03/2010 10:45
Brevi note sulla valutazione delle rimanenze finali per il bilancio 2009

E' bene porre un'attenzione particolare nel valutare le rimanenze finali di merci, materie prime, prodotti e semilavorati al 31/12/2009. Il Codice Civile, in un'ottica di prudenza, prevede che le rimanenze di magazzino possano essere valutate al minore tra il costo di acquisto e il valore di mercato, intendo per "valore di mercato": 

1) costo di sostituzione per materie prime e sussidiarie e per i semilavorati (costo di fabbricazione è il costo di acquisto maggiorato di tutte le spese industriali di produzione e trasformazione, inclusi i costi diretti ed indiretti esclusi i costi di distribuzione);

2) valore netto di realizzo per merci, prodotti finiti e prodotti in corso di lavorazione (prezzo di vendita meno costi diretti di vendita)

La rilevazione del valore di mercato va fatta su un periodo che comprende l'ultimo mese dell'esercizio ed i primi mesi di quello seguente.

N.B. Ai fini IRES la "svalutazione" è possibile solo in base al valore normale rilevato nell'ultimo mese dell'esercizio (ex. art.9 TUIR). Ai fini IRAP, invece, per le società di capitali la svalutazione è possibile anche secondo i dettami civilistici, dato che dal 2008 l'IRAP viene calcolata secondo la corretta classificazione civilistica del bilancio dell'esercizio.

Azioni sul documento