Ultime notizie
Conversione in Legge del D.L. Renzi 66/2014
25/06/2014
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 89/2014 che ha convertito il Decreto Legge 66/2014
Leggi il resto
Comunicazione dei beni concessi in uso ai soci ed ai familiari
03/12/2013
Altra invenzione dell'Agenzia delle Entrate è la comunicazione obbligatoria entro il prossimo 12/12/2013 per i beni concessi in uso ai soci ed ai propri familiari
Leggi il resto
Finanziamenti e capitalizzazioni soci e familiari dei soci
03/12/2013
Burocrazia per la comunicazione in scadenza il prossimo 12/12/2013 riguardo i finanziamenti/capitalizzazioni effettuate dai soci e familiari degli stessi nelle imprese partecipate.
Leggi il resto
Prezzo-Valore per imposta di registro in caso di asta
09/11/2013
Articolo che si addentra nei meandri di tassazione in caso di asta pubblica per un'abitazione bandita da un privato oppure da altro soggetto.
Leggi il resto
Crisi finanziaria? Diminuiscono gli interessi bancari....
09/11/2013
Una conseguenza positiva su mille negative della crisi che sta volgendo al termine è la discesa dei tassi di interesse attualmente praticati dalla banche, in seguito alla decisione della B.C.E. di portare al 0,25% il tasso di riferimento europeo.
Leggi il resto
 
Tu sei qui: Home / News / Crisi da sovraindebitamento

Crisi da sovraindebitamento

creato da Stefano Saltannecchi ultima modifica 10/05/2012 15:28
La nuova procedura applicabile ai debitori "non fallibili"

La Legge 27/01/2012 n° 3, in vigore dal 29/02/2012, definisce la nuova procedura di composizione della crisi di sovraindebitamento per debitori non fallibili.

Ciò significa che il debitore che non può essere assoggettato a procedure concorsuali può ricorrere a questo istituto per definire la sua situazione.

I requisiti previsti obbligatoriamente sono i seguenti:

* il debitore non deve aver fatto ricorso, nei precedenti tre anni alla procedura di composizione della crisi;

* per l'ottenimento dell'omologa da parte del Tribunale ci deve essere un accordo con coloro che rappresentino il 70% dei crediti.

Contenuto dell'accordo

L'accordo deve contenere le modalità di soddisfacimento dei creditori sociali: in primo luogo in forma totale per i creditori privilegiati, a meno che essi non abbiano rinunciato volontariamente all'integrale pagamento; in secondo luogo (in forma totale) a tutti coloro che non hanno aderito all'accordo; infine con i creditori che hanno aderito alla ristrutturazione del debito, nelle percentuali stabilite.

Il debitore che ricorre all'istituto in esame può offrire in garanzia anche redditi o beni non propri; può altresì cedere crediti futuri.

L'importante, è bene sottolinearlo, che si dimostri di poter ristrutturare veramente i propri debiti nei modi che si indicano nell'accordo.

Documenti necessari

Occorre presentare le scritture contabili e le dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni. Il debitore deve altresì quantificare le spese necessarie a sé e alla propria famiglia per il sostentamento quotidiano.

Il documento fondamentale da redarre rimane, comunque, l'elenco di tutti i creditori da soddisfare e degli atti di disposizione compiuti negli ultimi cinque anni.

La relazione da presentare al Tribunale ed i tempi della procedura

La fattibilità del piano di ristrutturazione del debito deve essere vagliata da un soggetto terzo che viene denominato "Organismo di composizione della Crisi" o O.C.C. Un Commercialista può svolgere le funzioni di O.C.C.

La relazione che illustra la crisi da sovraindebitamento e la modalità di risoluzione deve essere presentata presso il Tribunale dove è la sede o la residenza del debitore.

Il Giudice preposto avverte tutti i creditori (indicati nel piano) e fissa l'udienza, dando apposita pubblicazione alla relazione presso il Tribunale.

Gli "effetti" sulle azioni esecutive, sequestri conservativi e diritti di prelazione

Dal momento della pubblicazione della relazione e per non oltre 120 giorni il Giudice dispone che non possono essere iniziate o proseguite azioni esecutive, sequestri conservativi, ottenuti diritti di prelazione verso specifici creditori.

Una volta omologata la relazione da parte del Tribunale inizia la gestione della ristrutturazione del debito, con le modalità indicate nel piano redatto.

Per al massimo un anno sono "congelati" inizi o proseguimenti di azioni esecutive, sequestri conservativi, ottenimento di diritti di prelazione verso specifici creditori.

La possibile risoluzione dell'accordo o la nullità dello stesso

L'accordo decade se entro 90 giorni non viene adempiuta qualsiasi scadenza indicata per il pagamento dei debiti dovuti verso gli enti previdenziali o agenzie delle entrate.

Si decade altresì dalla procedura se il debitore non riesce ad adempiere agli impegni presi mediante le modalità indicate oppure se si accorge che sono stati indicati crediti futuri o redditi in garanzia che poi non si sono realizzati nella misura prevista.

L'accordo è nullo se il debitore ha falsificato i documenti per ottenere l'omologa della crisi, aumentando l'attivo o diminuendo il passivo oppure se ha effettuato comportamenti simulatori o fraudolenti.

 

 

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattarci tramite telefono 050 799106, fax 050 799703 o e-mail: info@studioferrucci.com
I nostri Professionisti sono a Vostra completa disposizione per risolvere ogni dubbio e per offrirVi consulenza per la gestione della crisi da sovraindebitamento e per la stesura della relazione prevista dalla legge in qualità di Organismo di Composizione della Crisi, in caso di Vostra designazione.

Azioni sul documento