Ultime notizie
Conversione in Legge del D.L. Renzi 66/2014
25/06/2014
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 89/2014 che ha convertito il Decreto Legge 66/2014
Leggi il resto
Comunicazione dei beni concessi in uso ai soci ed ai familiari
03/12/2013
Altra invenzione dell'Agenzia delle Entrate è la comunicazione obbligatoria entro il prossimo 12/12/2013 per i beni concessi in uso ai soci ed ai propri familiari
Leggi il resto
Finanziamenti e capitalizzazioni soci e familiari dei soci
03/12/2013
Burocrazia per la comunicazione in scadenza il prossimo 12/12/2013 riguardo i finanziamenti/capitalizzazioni effettuate dai soci e familiari degli stessi nelle imprese partecipate.
Leggi il resto
Prezzo-Valore per imposta di registro in caso di asta
09/11/2013
Articolo che si addentra nei meandri di tassazione in caso di asta pubblica per un'abitazione bandita da un privato oppure da altro soggetto.
Leggi il resto
Crisi finanziaria? Diminuiscono gli interessi bancari....
09/11/2013
Una conseguenza positiva su mille negative della crisi che sta volgendo al termine è la discesa dei tassi di interesse attualmente praticati dalla banche, in seguito alla decisione della B.C.E. di portare al 0,25% il tasso di riferimento europeo.
Leggi il resto
 
Tu sei qui: Home / News / Manager-soci: unica gestione previdenziale

Manager-soci: unica gestione previdenziale

creato da Stefano Saltannecchi ultima modifica 05/03/2010 08:40
Una nuova sentenza della Cassazione fa ritornare l'attenzione sulla questione.

La cassazione a sezione unite civili, con la sentenza numero 3240/2010 è stata chiamata ad esprimere il proprio giudizio sull'obbligo della doppia iscrizione, alla gestione commercianti e a quella separata, per il socio di una Società a responsabilità limitata che contemporaneamente partecipa ai lavori ed è amministratore (e percepisce compensi).

Ad oggi, infatti, tale soggetto deve iscriversi contemporaneamente a tutte e due le gestioni previdenziali, con un notevole aggravio di complicazioni burocratiche e duplicazione in gestioni diverse di versamenti pensionistici.

La Cassazione ha affermato che in tutti questi casi dove ci sia il socio partecipante ai lavori di srl che ne è anche amministratore, si dovrà valutare quale è l'attività prevalente svolta e, di conseguenza, effettuare l'iscrizione nella gestione appropriata.

Chiaramente, rimangono ferme le modalità di calcolo del quantum da versare alla gestione previdenziale:  reddito fiscale della società partecipata (in base alla percentuale di partecipazione) sommata al reddito percepito in qualità di amministratore.

L'INPS, in seguito a questa nuova sentenza, sarà chiamato a rivedere la propria posizione che prevedeva, invece, la doppia iscrizione ed il pagamento con metodi diversi nelle varie casse previdenziali.

Da ribadire, inoltre, che già con sentenze Cassazione sezione lavoro n.20886/07, n.288/08, n. 4676/08, n. 8484/08 la Suprema Corte si era espressa per l'iscrizione alla sola gestione prevalente.

Azioni sul documento