Ultime notizie
Conversione in Legge del D.L. Renzi 66/2014
25/06/2014
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 89/2014 che ha convertito il Decreto Legge 66/2014
Leggi il resto
Comunicazione dei beni concessi in uso ai soci ed ai familiari
03/12/2013
Altra invenzione dell'Agenzia delle Entrate è la comunicazione obbligatoria entro il prossimo 12/12/2013 per i beni concessi in uso ai soci ed ai propri familiari
Leggi il resto
Finanziamenti e capitalizzazioni soci e familiari dei soci
03/12/2013
Burocrazia per la comunicazione in scadenza il prossimo 12/12/2013 riguardo i finanziamenti/capitalizzazioni effettuate dai soci e familiari degli stessi nelle imprese partecipate.
Leggi il resto
Prezzo-Valore per imposta di registro in caso di asta
09/11/2013
Articolo che si addentra nei meandri di tassazione in caso di asta pubblica per un'abitazione bandita da un privato oppure da altro soggetto.
Leggi il resto
Crisi finanziaria? Diminuiscono gli interessi bancari....
09/11/2013
Una conseguenza positiva su mille negative della crisi che sta volgendo al termine è la discesa dei tassi di interesse attualmente praticati dalla banche, in seguito alla decisione della B.C.E. di portare al 0,25% il tasso di riferimento europeo.
Leggi il resto
 
Tu sei qui: Home / News / Prezzo-Valore per imposta di registro in caso di asta

Prezzo-Valore per imposta di registro in caso di asta

creato da Stefano Saltannecchi ultima modifica 09/11/2013 15:29
Articolo che si addentra nei meandri di tassazione in caso di asta pubblica per un'abitazione bandita da un privato oppure da altro soggetto.


A proposito di PREZZO-VALORE per l’imposta di registro


Anche al trasferimento di un’abitazione, in caso di asta pubblica bandita da cittadino privato, occorre applicare l’imposta di registro su PREZZO -VALORE e non sul prezzo di aggiudicazione effettivo.



Con la risoluzione 15 Luglio 2013, derivante da un interpello, l’Amministrazione Finanziaria DEFINITIVAMENTE chiarisce che se l’asta pubblica è bandita da un privato si applica il PREZZO-VALORE; diversamente, in tutti gli altri casi, si applica l’art.44 Dpr 131/1986 e quindi si tassa sul valore di aggiudicazione visto che “l’intera operazione è sottoposta a pubblica vigilanza e sussistono garanzie sulla corrispondenza tra prezzo pagato e valore dichiarato”.

Il sistema prezzo-valore è stato adottato in seguito alla tristemente nota Legge Bersani n. 266/2005, articolo 1 comma 497.

In caso di contratto a titolo oneroso avente oggetto il trasferimento di un’abitazione ad una persona fisica che non agisca nell’esercizio di impresa, arte o professione, la parte acquirente può chiedere che la base imponibile ai fini dell’imposta di registro sia costituita non dal VALORE del bene trasferito ma dalla moltiplicazione della rendita catastale per i coefficienti di aggiornamento applicabili  (per questo si chiama PREZZO ----> VALORE) e non sul corrispettivo dichiarato nel contratto.


Questo, in deroga all’articolo 43 del Testo Unico dell’Imposta di Registro Dpr 26 Aprile 1986 n.131 che prevede che si debba prendere come base imponibile per il Registro il “valore” o se, superiore, il corrispettivo dichiarato.


La norma riportata nell’articolo 1 comma 497 della Legge Bersani intendeva “evidenziare” i corrispettivi reali derivanti dalla vendite di abitazioni tra privati, di fatto facilitando l’emersione vista la diversa applicazione di tasse su un valore che già si conosceva e molto inferiore al prezzo tra i privati.


L’articolo 44 del Dpr 131/1986 per quanto riguarda i trasferimenti coattivi, quale, per esempio l’espropriazione forzata, sancisce che anche in caso di asta pubblica e per i contratti stipulati o aggiudicati in seguito a pubblico incanto la base imponibile è costituita dal prezzo di aggiudicazione.

Azioni sul documento