Ultime notizie
Conversione in Legge del D.L. Renzi 66/2014
25/06/2014
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 89/2014 che ha convertito il Decreto Legge 66/2014
Leggi il resto
Comunicazione dei beni concessi in uso ai soci ed ai familiari
03/12/2013
Altra invenzione dell'Agenzia delle Entrate è la comunicazione obbligatoria entro il prossimo 12/12/2013 per i beni concessi in uso ai soci ed ai propri familiari
Leggi il resto
Finanziamenti e capitalizzazioni soci e familiari dei soci
03/12/2013
Burocrazia per la comunicazione in scadenza il prossimo 12/12/2013 riguardo i finanziamenti/capitalizzazioni effettuate dai soci e familiari degli stessi nelle imprese partecipate.
Leggi il resto
Prezzo-Valore per imposta di registro in caso di asta
09/11/2013
Articolo che si addentra nei meandri di tassazione in caso di asta pubblica per un'abitazione bandita da un privato oppure da altro soggetto.
Leggi il resto
Crisi finanziaria? Diminuiscono gli interessi bancari....
09/11/2013
Una conseguenza positiva su mille negative della crisi che sta volgendo al termine è la discesa dei tassi di interesse attualmente praticati dalla banche, in seguito alla decisione della B.C.E. di portare al 0,25% il tasso di riferimento europeo.
Leggi il resto
 
Tu sei qui: Home / News / Sbloccati gli incentivi del bonus Ricerca e Sviluppo per chi aveva investito prima del 28 novembre 2008

Sbloccati gli incentivi del bonus Ricerca e Sviluppo per chi aveva investito prima del 28 novembre 2008

creato da Stefano Saltannecchi ultima modifica 11/05/2010 07:28
Il Ministero ha sbloccato 350 milioni di euro per soddisfare parzialmente coloro che nel click-day dello scorso Maggio 2009 sono rimasti fuori dall'assegnazione dei fondi iniziali.

Parziale felice epilogo per coloro che avendo investito prima del 28 novembre 2008 erano rimasti completamente esclusi dall'assegnazione del bonus previsto dal D.L. 185/08. Le aziende contestavano al Ministero il fatto che il monitoraggio previsto dalla Legge era stato "inventato" in prossimità della scadenza per l'ottenimento dei fondi, in palese violazione dello Statuto del Contribuente.

Il Ministero, preso atto delle difficoltà e delle istanze dei contribuenti, ha stanziato, quindi, 350 milioni di euro per poter risarcire parzialmente i 737 milioni di crediti richiesti e non concessi, con una percentuale quindi del 47,50% di soddisfazione per gli esclusi.

I contribuenti non dovranno fare nessuna ulteriore istanza, visto che tutti i dati necessari sono in possesso dello stesso Ministero.

 

  • Open in Google Docs Viewer
  • Open link in new tab
  • Open link in new window
  • Download file
  • Copy link address
 
 

Azioni sul documento